Cheratocono Italia

www.cheratoconoitalia.tk


Non sei connesso Connettiti o registrati

Cheratocono anelli intrastromali e cross-linking: un'alleanza promettente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Admin


Admin
Per fermare l'inesorabile evoluzione del cheratocono ,nelle primissime
fasi,fino a poco tempo fa si avevano a disposizione le lenti a contatto
o l' impianto di anelli intrastromali (stroma=strato centrale della
cornea),ICR,
Ora gli oculisti possono contare anche sul cross-linking:intervento
para-chirurgico che consiste nel ricoprire la superficie corneale con un
gel a base di un complesso vitaminico B;il prodotto penetra nella cornea
e viene poi attivato con dei raggi ultravioletti.
Gli anelli intrastromali hanno l'obbiettivo di ridurre e regolarizzare
l'astigmatismo irregolare proprio del cheratocono migliorando così la
funzionalità visiva dei pazienti
Regolarizzando l'astigmatismo i pazienti recuperano un buon visus con
dei "semplici occhiali astigmatici" o addirittura utilizzando le lenti a
contatto che la stessa morfologia del cheratocono impediva di portare.
Per le caratteristiche intrinseche delle due tecniche tra di esse non
c'è competizione né tantomeno una esclude l' altra.
Riguardo la sinergia delle due tecniche attualmente esiste un unico
studio i cui risultati dimostrano la maggior efficacia dell' ICR se
associato al cross-linking.
Dato ciò come dato di fatto la giusta questione da porre è la
sequenzialità dei due interventi.
La maggior parte dei chirurghi preferisce impiantare prima gli anelli e
dopo 4-6 mesi fare il cross-linking.
Le considerazioni a favore di questa sequenzialità sono che prima si
regolarizza la superficie corneale restituendo un buon visus e poi con
il cross-linking si rinforzano le fibre congelando la situazione refrattiva.
I chirurghi contrari a questo modo di agire affermano che la vitamina B
potrebbe essere assorbita in quantità inferiore proprio per la presenza
degli anelli.
Purtroppo non si ha ancora abbastanza esperienza per poter dire quali
dei due gruppi ha ragione,quello di cui però si è sicuri è che
l'utilizzo delle due tecniche in maniera sinergica è la nuova strada
della terapia conservativa del cheratocono.
(da A.I.C.C.E.R.)




Ultima modifica di Admin il Lun Lug 19, 2010 10:19 am, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente http://cheratoconoitalia.attiviforum.com

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum