Cheratocono Italia

www.cheratoconoitalia.tk


Non sei connesso Connettiti o registrati

CHERATOCONO E TRAPIANTO LAMELLARE OGGI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 CHERATOCONO E TRAPIANTO LAMELLARE OGGI il Mar Lug 20, 2010 9:25 am

Admin


Admin


Gentile dottore, ho una sorella che è stata operata a Roma di cheratocono aspettiamo ormai da 2 anni il trapianto... l'intervento che gli hanno fatto è stato rimuovere la cornea e inserire come l'hanno chiamata loro una "toppa" questo intervento è stato difficile perchè mia sorella è portatrice di handicap al 100% quindi non si presta ad alcuna cura.... la mia domanda è: è normale aspettare così tanto per il trapianto? da quell'occhio può vedere o con quella "toppa" è come non averlo? p.s. a vederla così non si nota niente solo una piccola cicatrice laterale bianca nella pupilla. Grazie

Risposte:

cARISSIMO,
VEROSIMILMENTE è STATA FATTA UNA CHERATOPLASTICA TETTONICA O LAMELLARE!!
La cheratoplastica lamellare consiste nella sostituzione degli strati
anteriori alterati od opachi della cornea malata con equivalenti strati
trasparenti di una cornea sana di donatore.
Questo intervento ora può trarre beneficio anche dall'uso diuno speciale
laser detto a "femtosecondi" (Intralase), la grande novità di questa
chirurgia. Questo è un laser di nuova introduzione in chirurgia oculare;
esso consente di ottenere superfici più lisce e regolari ed un
intervento più standardizzabile di quello eseguibile con lame chirurgiche.
I vantaggi di questa tecnica (rispetto ad una cheratoplastica
perforante) sono i seguenti:
-non viene aperto il bulbo, rimanendo un intervento di superficie, e ciò
evita tutte le complicanze infiammatorie, settiche ed emorragiche,
possibili invece con una procedura a "cielo aperto";
-essendo un intervento "a bulbo chiuso", la ferita chirurgica è più
forte ed il bulbo è meno soggetto a danni o complicazioni in seguito a
traumi o contusioni.
-l'intervento è più semplice e più rapido e la possibilità di rigetto è
molto bassa.

Nelle fasi evolute della malattia cioè quando la cornea è molto sottile
ed è molto "sfiancata", oppure quando presenta opacità centrali e
profonde o astigmatismo elevato, l'intervento di scelta è il trapianto
perforante.




Prof. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Oftalmologia
Pisa (PI)

dica33IT

Vedi il profilo dell'utente http://cheratoconoitalia.attiviforum.com

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum